Accetto i cookies di questo sito

Utilizziamo i cookies per migliorare la qualità del nostro sito web. Per ulteriori informazioni sui cookies utilizzati, vi invitiamo a leggere (….) Politica dei cookies. Se continui senza modificare le impostazioni dei cookies, acconsenti al presente utilizzo, ma, se desideri, puoi trovare, nella nostra Politica dei Cookies, le informazioni su come rimuovere i cookies modificando le tue impostazioni.

Introduzione

Lo Scopo del Gioco è di consentire a due squadre di quindici, dieci o sette giocatori ciascuna, di poter segnare il maggior numero di punti possibile, giocando lealmente, in conformità alle regole e con spirito sportivo, portando, passando, calciando il pallone ed effettuando un toccato a terra; la squadra che segna il maggior numero di punti sarà la vincitrice dell’incontro.

Le Regole di Gioco, comprese le variazioni per l’under 19, sono complete e contengono tutto ciò che è necessario per permettere che l’incontro sia giocato correttamente e lealmente.

Il rugby è uno sport che prevede il contatto fisico. Tutti gli sport che prevedono il contatto fisico hanno la caratteristica d’essere pericolosi. E’ molto importante che i giocatori giochino in conformità alle Regole di Gioco, e che siano attenti alla loro sicurezza e a quella degli altri.

È responsabilità dei giocatori assicurare di essere preparati fisicamente e tecnicamente in una maniera che li abilita per giocare la Gara, in osservanza con le Regole di Gioco e partecipano in concordanza con le pratiche di sicurezza.

È responsabilità di chi allena o insegna il gioco, assicurare che i giocatori siano preparati in modo che giochino in conformità alle Regole di Gioco ed alle norme di sicurezza.

E’ dovere dell'arbitro applicare correttamente tutte le regole del gioco, in ogni incontro, ad eccezione di quando una regola sperimentale è stata autorizzata dal Consiglio di World Rugby.

È dovere delle Federazioni assicurare che il gioco ad ogni livello sia condotto secondo un comportamento disciplinato e sportivo. Questo principio non può essere sostenuto solamente dall'arbitro; la sua osservanza si estende anche alle Federazioni, agli organi affiliati ed ai Club.