Accetto i cookies di questo sito

Utilizziamo i cookies per migliorare la qualità del nostro sito web. Per ulteriori informazioni sui cookies utilizzati, vi invitiamo a leggere (….) Politica dei cookies. Se continui senza modificare le impostazioni dei cookies, acconsenti al presente utilizzo, ma, se desideri, puoi trovare, nella nostra Politica dei Cookies, le informazioni su come rimuovere i cookies modificando le tue impostazioni.

Introduzione

L’obiettivo del gioco è che due squadre da 15, 10 o 7 giocatori ciascuna, nel rispetto del fair play, delle regole e dello spirito sportivo, dovrebbero, portando, passando, calciando e mettendo a terra il pallone, segnare il maggior numero di punti possibile, dove la squadra che segna più punti sarà la vincitrice della partita.

Le regole del gioco, comprese la varianti per il rugby under 19, rugby a 10 e rugby a 7, sono complete e contengono tutto il necessario per consentire di praticare il gioco in modo corretto ed equo.

Il Rugby Union è uno sport che comporta il contatto fisico e, in quanto tale, presenta dei rischi inerenti. È molto importante giocare nel rispetto delle regole e fare sempre attenzione alla sicurezza del giocatore.

È responsabilità dei giocatori assicurare di essere fisicamente e tecnicamente preparati per giocare in base alle regole ed impegnarsi a partecipare nel rispetto di un divertimento e pratiche sicuri.

È responsabilità di chi allena o insegna il gioco, garantire che i giocatori siano preparati a rispettare le regole, giocare in modo corretto e osservare una condotta sicura.

È un dovere dell’arbitro applicare equamente tutte le regole in ogni gara, comprese le regole sperimentali e le variazioni eventualmente autorizzate da World Rugby.

È un dovere delle Federazioni assicurare che il gioco, ad ogni livello, si svolga nel rispetto di un comportamento disciplinato e sportivo.

Il principio del fair play non può essere fatto rispettare solo dall’arbitro. La responsabilità del rispetto di questo principio ricade anche su federazioni, club, altri enti affiliati, tecnici e giocatori.

Ciascuna federazione dovrebbe creare un percorso per i giovani. Attraverso questo programma, i giocatori più giovani possono introdursi gradualmente nelle varie fasi del rugby al momento opportuno, beneficiando di una maggior protezione dagli infortuni. Età e contenuti di questo programma dovrebbero essere definiti da ciascuna federazione, in base alle caratteristiche uniche dell’ambiente di gioco della stessa.